Redazione
Abbonamenti
Ultimi numeri
Servizio Clienti
Contattaci

Privacy Policy
Apprendere e giocare: alternativa o integrazione?
Formazione
Il bambino che gioca perde tempo o si procura occasioni di crescita e di apprendimento?



Invialo ad un amico
Torna
Autore: Donatella Savio
Pedagogista e formatrice, Biella
Argomento: Il gioco
N Pagine 6
Prezzo 1,44

Intervento letto al Convegno Per una Scuola dell'infanzia di qualità, Firenze, 11-12 Gennaio 2002.

Da tempo è diffuso il pregiudizio secondo cui gioco e apprendimento sarebbero due dimensioni della crescita incompatibili, ma l’autrice intende sfatare questa credenza, sostenendo invece che nei primi anni di vita il gioco è la principale fonte di apprendimento, nonché punto di partenza fondamentale per la progettazione di numerosi percorsi educativi.
Osservando il gioco simbolico è possibile comprendere quali siano gli interessi autentici del bambino, per avanzare proposte educative che partano da qui, invece che dagli interessi dell’adulto.

Letture consigliate:
SVALSI Osservare il gioco di finzione
Gioco, cultura e formazione