Redazione
Abbonamenti
Ultimi numeri
Servizio Clienti
Contattaci

Privacy Policy
Bambini

Didattiche

Numero: 6/2014

Pubblicato il 18/06/2014

Concludiamo la ri-pubblicazione degli editoriali di Loris Malaguzzi, che hanno voluto essere un ricordo e una ripresa del suo pensiero a vent’anni dalla scomparsa. Proprio l’articolo che riproponiamo questo mese (che risale a marzo 1981 e quindi a più di trent’anni fa), ci offre l’occasione di riflettere sui nodi di fondo e sui problemi del nostro sistema che non sono mai stati affrontati alla radice.



Editoriale

La lampada di Aladino

"Crescere in povertà economica condiziona moltissimo le opportunità lungo tutto il corso della vita. È in questa situazione in Italia un milione circa di bambini e ragazzi, il doppio di cinque anni fa, nella pressoché totale indifferenza della politica e assenza di politiche. Compensare lo svantaggio di nascere e crescere poveri è difficile…"


Nostalgia del futuro

Se l'educazione è un bene comune
La relazione pubblico/privato nella gestione dei servizi 0/6
L’incontro tra il ministero della Pubblica Istruzione, regioni, comuni, sindacati confederali (da cui prendeva le mosse l’editoriale di Sergio Neri sull’ultimo numero della rivista) attorno alla 444 non si è fatto. E a tutt’oggi niente indica che si farà.


idee e Questioni - Intervista

Lasciateli giocare

Da dove nasce la sua attenzione per il gioco nell’infanzia?
Quando ero un bambino, negli anni Cinquanta, io e i miei amici abbiamo ricevuto due tipi di educazione. Andavamo a scuola (che non era così evoluta come oggi) e ricevevamo anche quella che io chiamo l’educazione del cacciatore-raccoglitore.


Idee e Questioni - Dall'Europa

La differenza inizia alla scuola dell’infanzia
Dal Belgio: disuguaglianze socio-economiche tra gli istituti scolastici: una realtà presente sin dalla scuola dell’infanzia?
Le prime indagini PISA pubblicate all’inizio degli anni duemila hanno sottolineato i risultati mediocri dell’insegnamento nella Federazione Vallonia-Bruxelles. Alcune ricerche hanno mostrato che una parte dei risultati scolastici deludenti riscontrati può essere spiegata dal fatto che, invece di distribuire gli alunni con più difficoltà tra tutte le strutture scolastiche, si tende a concentrarli solo in una parte delle scuole.


Idee e Questioni

La comunicazione interna del servizio educativo
La cultura organizzativa per creare condivisione e partecipazione
Il benessere organizzativo è la capacità di un’organizzazione di promuovere e mantenere il più alto grado di benessere fisico, psicologico e sociale dei lavoratori, attraverso una serie di variabili di natura organizzativa che ne complicano e, talvolta, ne arricchiscono la definizione.


idee e Questioni

I saperi della qualità
Fruizione e rilanci
Con questo articolo concludiamo una serie di contributi che hanno avuto come filo conduttore la documentazione intesa come strumento professionale che sostiene le pratiche, alimenta la riflessività dei gruppi di lavoro, contribuisce alla valutazione delle esperienze e al monitoraggio della qualità.


idee e Questioni

Diventare genitori oggi tra complessità e soluzioni
Gli esiti di una ricerca sull’esperienza genitoriale e i servizi alla prima infanzia
Gli esiti dello studio, presentati per la prima volta a Milano a maggio 2013, sono stati discussi a Bologna nel corso della Tavola Rotonda “Diventare genitori oggi, tra complessità e soluzioni”, che si è tenuta a gennaio 2014 con la partecipazione di Sandra Benedetti (Regione Emilia Romagna), Federico Bozzanca (CGIL), Maurizio Fabbri (Università di Bologna), Susanna Mantovani (Università degli Studi Milano-Bicocca) e Tullia Musatti (CNR).


L'approfondimento

Didattiche

In questo ultimo numero di giugno si apre un approfondimento sul tema della didattica o meglio delle didattiche, nei nidi e nelle scuole dell’infanzia, che proseguirà nel prossimo anno. Crediamo che sia un argomento centrale, strettamente correlato all’idea di bambino che sottende il nostro agire educativo e non possiamo dare per scontato di intendere tutti la stessa cosa quando ne parliamo.


Esperienze - Buone Idee

Far finta di prendersi cura per davvero
I bambini reinterpretano le situazioni di cura nelle occasioni di gioco simbolico della giornata al nido
Il gioco rappresenta uno dei modi privilegiati per esplorare il mondo esterno e quello delle relazioni interpersonali, per sviluppare abilità motorie e cognitive, per sperimentare ruoli, per agire la propria creatività. È dunque uno spazio di possibilità entro cui i bambini possono sperimentare se stessi nella loro interezza (corpo, sensi e mente), appagando la loro curiosità e il loro bisogno di esplorare l’ambiente e gli oggetti che lo abitano.


Esperienze - Nido

Chi ha paura del dottore?
Un percorso ludico per riconoscere le proprie emozioni
Nei primi mesi di frequenza al nido l’educatrice ha osservato quanto i bambini, nella relazione con i pari e con gli adulti, con lo spazio e con i materiali, siano spesso “travolti” dalle proprie emozioni: felicità, rabbia, paura e tristezza.


esperienze - Nido

Natura, ruralità e crescita
In educazione naturale non ci sono “obiettivi” da raggiungere, ma esperienze da fare
Attraverso le esperienze e attività che i bambini degli Agrinido sperimentano in ambiente naturale-rurale è possibile educare la loro capacità di pensare, di elaborare ipotesi, stimolare le loro intelligenze? Gli ambienti esterni dove si svolge gran parte della loro giornata, all’interno di una fluida dinamica in-out, sono in grado di offrire condizioni appropriate per la crescita e lo sviluppo nei primi anni di vita?


esperienze - Nido

Piccole virtù
Un’esperienza di autoformazione attraverso la lettura di libri
“Piccole virtù” è il nome del Circolo delle Lettrici promosso dal Coordinamento Pedagogico e dalle insegnanti dei servizi educativi del Comune di Pistoia. Nasce da un gruppo sempre più esteso di lettrici appassionate, vuole essere occasione di crescita personale e si inserisce come corollario del più vasto lavoro di aggiornamento e formazione, che ha sempre teso alla costruzione di una professionalità ampia, con inquietudini culturali verso ambiti disciplinari diversi.


Esperienze - Scuola

Fiabe e favole di ieri e di oggi
Un’appassionata di favole racconta
Nei miei trent’anni di insegnamento nella scuola dell’infanzia ho sempre attinto abbondantemente dal patrimonio favolistico tradizionale per attirare l’attenzione dei bambini e coinvolgerli nella narrazione di una fiaba. La mia è stata una ricerca costruita con lentezza ma con continuità.


esperienze - Scuola

Giochi di terra nelle scuole e nei nidi di città
Perché e come riavvicinare i bambini alla terra e ai suoi giochi
Tutto nasce lentamente ma molti anni fa. La storia è, infatti, abbastanza lunga e risale al 1972 quando conobbi il “Sand play”: la tecnica terapeutica ideata da Dora Kalff, psicanalista allieva di Jung.


Esperienze - Buoni Progetti

All’ombra dell’Albero Mago
Il valore aggiunto dell’integrazione nel nido inter-aziendale di Badia a Settimo
La peculiarità e positività del progetto deriva dall’incontro di soggetti diversi che, unendo forze e professionalità, hanno permesso la realizzazione di un servizio innovativo; il nido infatti nasce dalla collaborazione tra il Consorzio Nuova Badia, associazione di cooperative di abitazione e impresa di costruzione, e il Consorzio Metropoli, incaricato della gestione attraverso le cooperative sociali associate Arca e Cepiss.


Strumenti - Leggere ai bambini

Lettura e resilienza: una connessione intrigante

La «resilienza», termine in origine utilizzato in fisica ad indicare la resistenza dei materiali, da tempo viene usato anche per indicare la capacità degli esseri umani di superare eventi tragici, avendo la possibilità di apprendere dall’esperienza vissuta e di capitalizzarla per il futuro, così da essere di nuovo in equilibrio.


strumenti - Leggere ai bambini

L’emozione della prima volta
Pensieri e esperienze dei piccoli


Strumenti - Proposte di lettura

“Bella becca”
Libri per l’infanzia e modi di leggere degli adulti
Leggere libri ad alta voce ai bambini rappresenta una delle attività più importanti che gli adulti possano praticare affinché i bambini sviluppino il linguaggio orale e le abilità alfabetizzanti definite come emergent literacy skills1, necessarie al successo non solo scolastico, ma nella vita.


Strumenti - Tra educatori e genitori

A che gioco giochiamo, per crescere insieme?
Genitori e figli
Una ricerca inglese: Come si gioca oggi. Tornare ai fondamenti, ha evidenziato come i genitori siano sempre meno capaci di giocare con i loro figli e non riescano a trovare nelle attività ludiche uno strumento fondamentale per comunicare.