Redazione
Abbonamenti
Ultimi numeri
Servizio Clienti
Contattaci

Privacy Policy
Bambini

Autonomia, modo di vita
Il progetto “Agri-nido”
“À la carte”


Numero: 1/2013

Pubblicato il 15/01/2013


Questo è il primo numero di un nuovo anno. Dal momento in cui lo abbiamo in mano e lo stiamo leggendo vuol dire che la vita continua e che la profezia Maya che prevedeva la fine della vita sulla Terra allo scadere del fatidico 21/12/2012 non si è realizzata, con grande scorno di chi pensava di aver risolto tutti i problemi e tutte le difficoltà per “causa di forza maggiore”. Auguri doppi a tutti, per l’anno nuovo e per lo scampato “pericolo”.
Siamo e riprendiamo dopo la pausa delle feste. Le attività riprendono il loro ritmo e i bambini ci sollecitano a rinnovata attenzione e impegno. “Bambini” cerca di restare “al tempo” proponendo una nutrita serie di riflessioni ed esperienze. Iniziamo dall’intervista a Myrtha Chokler che, a partire dall’esperienza di Loczy, sviluppa una riflessione sull’autonomia e sui tempi del bambino. Un bambino che non deve essere forzato e costretto. “Gli alberi non crescono tirandoli per le foglie…” è il detto orientale che sintetizza una visione dell’educazione rispettosa del soggetto che cresce per strade sue e con tempi suoi.

Sempre sul rispetto e l’attenzione al bambino è incentrato l’articolo di Maria Teresa Pedrocco Biancardi, che presenta la “Guida alla genitorialità positiva” diffusa da Save the children. Si tratta di un testo rivolto ai genitori che li invita a mettersi nei panni del bambino, quando pensano a lui, quando intendono occuparsi di lui. È uno strumento certamente utile per parlare con i genitori, per trovare contenuti e modalità per gli incontri con le famiglie, ma è almeno altrettanto utile per gli educatori che restano esseri umani con una vita personale, familiare, sociale propria (che si portano dietro oltre e prima della professionalità). La guida propone un diverso approccio all’educazione dei bambini, basato proprio sulla riflessione, un approccio che dovrebbe ispirare tutti gli ambiti di vita del bambino ed essere la connotazione degli adulti che interferiscono lungo la sua giornata.

Le Nuove Indicazioni sono state pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale e sono quindi ufficialmente in essere: saranno un punto di riferimento su cui dovrà sempre più orientarsi la scuola dell’infanzia. Cinzia Mion ci introduce alla lettura di un primo aspetto, quello della scuola come ambiente di apprendimento. Ci occupiamo poi di sezioni primavera con il primo di una serie di articoli dedicati all’esperienza ligure, attraverso i quali presentiamo esperienze di narrazione, di gioco con la carta, di creatività con i materiali non strutturati, di musica-arte-gioco.

Un progetto particolare cui dedichiamo spazio è la sperimentazione del modello “Agri-nido di qualità”, avviato dalla Regione Marche. Non è l’invenzione di un “altro” nido, ma l’attenzione a riportare in realtà particolari, con connotazioni specifiche, un nido che unisca al rispetto degli standard e dei requisiti di norma un’aderenza al territorio, un arricchimento delle proposte praticabili offerte ai bambini. La nota che caratterizza il progetto è quella di una “pedagogia ecologica”. La sua forza sarà quella di far maturare esperienze che possano determinare una ricaduta positiva su tutto il mondo dell’educazione dell’infanzia.

F.C.



 

Indice di questo numero:


Editoriale

Lucignolo e Pinocchio: due finali diversi

A oltre un anno dalla presentazione delle Considerazioni del Comitato ONU sui diritti del fanciullo in relazione al Rapporto presentato dall’Italia ai sensi dell’articolo 44 della Convenzione (7 ottobre 2011) non è successo nulla. Il documento è scivolato nella generale indifferenza e tutto continua come sempre. Potrebbe sembrare fuori tempo andare oggi a riprendere la discussione su un documento apparentemente datato, ma l’imminenza della campagna elettorale e un conseguente risveglio di attenzione su quelli che potrebbero essere punti di un impegno della politica e delle Istituzioni a favore dell’infanzia, ci fa sperare che accendere i rifl ettori su questi temi, non sia iniziativa vana. 

Idee e Questioni

Autonomia, modo di vita

 

Idee e Questioni

Un aiuto...
…per educare i bambini e per aiutare i genitori a educarli
 

Idee e Questioni

La scuola: contesto di relazione, cura e apprendimento

 

Idee e Questioni

Carta dei diritti dei bambini all’arte e alla cultura

 

Idee e Questioni

Verso un’identità della Casa dei bambini

 

Idee e Questioni

Affrontare un lutto
Prima o poi a casa o a scuola i nostri bambini incontrano la morte di qualcuno. Parliamone nel gruppo classe.
 

Idee e Questioni

Coordinatore pedagogico, professione multitasking 5. Gruppo di lavoro o team eccellente?

 

Ricerc-azione Documentazione

La scatola dei bottoni 5
“Musichiamo”

La scatola dei bottoni
 

Ricerc-azione - Nido

Il progetto “Agri-nido”

 

Ricerc-azione - Nido

Al nido arrivano le nonne e i nonni

 

Ricerc-azione - Nido

Il progetto Q.B.
Per una giusta alimentazione che tenga conto delle quantità necessarie e delle preferenze individuali
 

Ricerc-azione - Nido

Festa di fine anno... molto speciale!
Dal nido d’infanzia “La Coccinella” di Ospedaletti (Im)
 

Ricerc-azione Sezione primavera

Verso un nuovo modello di servizio

 

Ricerc-azione Scuola

Narrazioni in punta di piedi
Dal gioco simbolico al libro-oggetto
 

Ricerc-azione Scuola

“À la carte”
Giocare con la carta
 

Ricerc-azione Scuola

La creatività nei giochi e nelle narrazioni
Materiali inusuali per una didattica in ricerca
 

Ricerc-azione Scuola

Momento m-a-gi-co 5
Un progetto d’arte
 

Ricerc-azione Scuola

“Claps e Tiare”
Come è nata questa nostra Terra?
 

Strumenti

“Recuperare” anche per i più piccoli...
…alimentando le curiosità e gli scambi col favore del “gruppo misto”
 

Strumenti

Un libro, anzi un gioco
Quando la storia la scrivi anche tu
 

Strumenti - Le danze di Mirco

Kye Kye Kule
Nuove idee per la scuola dell1infanzia