Redazione
Abbonamenti
Ultimi numeri
Servizio Clienti
Contattaci

Privacy Policy
Bambini

Dalla “bua” alla malattia seria
Emozioni al nido
L’approfondimento: Il corpo bambino


Numero: 9/2013

Pubblicato il 23/10/2013


I temi sembrano essere (e sono) quelli ricorrenti. Nella ripresa dello scritto di Loris Malaguzzi del 1983 si ripropone l’affermazione dei cento linguaggi di cui i bambini sono padroni competenti, delle loro potenzialità e capacità di esprimersi in molti modi diversi fin dalla più tenera età. Intuizione geniale e feconda, che è maturata e si è sviluppata nell’arco di trent’anni, trovando conferme, nuove modalità di raccontarsi e di farsi interpretare. A fronte di questa tematica, nell’approfondimento dedichiamo attenzione al “corpo bambino”. Anche in questo caso affrontiamo il tema del corpo come depositario di saperi che attendono di essere attivati, riconosciuti, coltivati. Ci interessa e ci impegniamo a considerare il bambino nella sua completezza invece che nei diversi aspetti in cui l’educazione tende a frammentarlo.

L’aspetto di novità nell’approccio che proponiamo con i contributi di questo numero, risiede nel chiamare le neuroscienze a interloquire con l’approccio classico della pedagogia. Il neurologo Marco Ruini riprende le intuizioni di Loris: “…tutti abbiamo un’infinità di capacità potenziali. Se però non vengono attivate nell’infanzia dall’esperienza, dall’imitazione, le loro vie facilitatorie nel reticolo neuronale del cervello si perdono… innata non è quindi la conoscenza, ma la modalità di apprendimento”. E a proposito di corporeità, la neuro­psichiatra Silvana Cremaschi ci ricorda: “Attraverso il fare, che inizialmente può essere movimento, anche passivo, ma che si trasforma poi progressivamente in azione, in ricerca del risultato piacevole ottenuto attraverso le prime esperienze motorie, si creano rappresentazioni e mappe mentali, che divengono la base di ulteriori connessioni e rappresentazioni. […] Le esperienze del gioco senso motorio partono dall’esperienza del piacere trasformandosi in esperienze di costruzione della propria identità e della relazione con l’identità dell’altro, simile, ma diverso”.

Affrontiamo, in Idee e questioni, alcune tematiche di rilevante impatto culturale e metodologico, senza fermarci all’enunciazione e alla trattazione degli aspetti scientifici dell’argomento, ma analizzando e suggerendo alcuni strumenti utili per gli educatori che desiderino affrontare l’argomento con i bambini o con le famiglie. Maria Teresa Pedrocco Biancardi presenta il tema della malattia come occasione di comunicazione tra educatori e genitori per sostenere i bambini nella prova del dolore. Chiara Baiamonte e Paola Bastianoni percorrono il tema delle famiglie omogenitoriali presentando poi, nell’ottica dell’educare alla pluralità, la rappresentazione delle molteplicità familiari nei libri per la prima infanzia. Ilaria Grazzani con le colleghe dell’Università Milano Bicocca, presenta un progetto di ricerca-intervento sul potenziamento di competenze linguistiche, socio-emotive e cognitive al nido attraverso la costruzione di un libro illustrato per i bambini.

F.C.



 

Indice di questo numero:


Editoriale

Ecchissenefrega... ma per andare oltre

I testi che seguono provengono da un furto: sono estrapolati dalla corrispondenza interna di un gruppo di educatori impegnati a riflettere sulla situazione dei servizi, sulle prospettive, sul “che fare?” e non erano destinati alla divulgazione e alla pubblicazione. Facciamo una piccola forzatura, schermando i nomi delle persone coinvolte, perché riteniamo che lo spunto di riflessione vada al di là del contingente e del piccolo gruppo che l’ha prodotto e possa appartenere a tutta la platea dei lettori di “Bambini”. Sono due posizioni che sembrano contrastare, ma crediamo possano anche essere riconosciute come aspetti dell’ambivalenza del pensiero che noi tutti nutriamo e viviamo di questi tempi. Di seguito la prima “confessione”. Poi una risposta di getto. 

Idee e Questioni - Nostalgia del futuro

Dare forma agli apprendimenti di bambini e adulti
I linguaggi espressivi dei bambini, valorizzati da didattiche e sintassi comunicative nuove, rivoluzionano il nido e la scuola dell’infanzia, anticipando le più recenti scoperte delle neuroscienze
 

Idee e Questioni

Educazione e gioco di ruolo
Come l’uso di schemi narrativi può produrre ed espandere le conoscenze dei bambini attraverso la magia dei racconti
 

Idee e Questioni

Per una politica sostenibile
Dall’Olanda: è necessario sviluppare una politica fi nanziaria attenta allo sviluppo di servizi per l’infanzia di qualità
 

Idee e Questioni

Dalla bua alla malattia seria
La malattia come occasione di comunicazione tra educatori e genitori, per accompagnare i bambini attraverso piccoli e grandi dolori
 

Idee e Questioni

Famiglie omogenitoriali
La letteratura per l’infanzia e una rappresentazione della famiglia rispettosa delle pluralità esistenti
 

Idee e Questioni

Emozioni al nido
Un progetto di ricerca-intervento sul potenziamento di competenze linguistiche, socio-emotive e cognitive al nido
Con questo contributo desideriamo documentare un’esperienza innovativa, svolta in alcuni nidi dell’hinterland milanese, sullo sfondo teorico fornito dalla psicologia dello sviluppo. 

Idee e Questioni

Burattini ed educazione (terza parte)
Quale pedagogia per i burattini
 

Idee e Questioni

Facciamo un cartellone?
Riscoprire le potenzialità degli strumenti di uso comune
 

Idee e Questioni

Il viaggio
Le metafore e i significati attraversati dai bambini con attività artistico-espressive
 

L'approfondimento

Il corpo bambino

 

Esperienze - Nido

Il senso del luogo
Tracce per un’educazione basata sui luoghi tra natura e memoria
Vallato è una piccola contrada del Comune di San Ginesio a 582 metri di altitudine, all’interno del Parco Nazionale dei Monti Sibillini... Nel Settembre 2012 l’azienda agricola “La Quercia della Memoria” dà vita a Vallato all’Agrinido della Natura, servizio educativo inserito nella rete degli “Agrinido di qualità” della Regione Marche.  

Esperienze

Buono da mangiare, buono da pensare
Un percorso di educazione alimentare con i genitori
 

Esperienze

Quando la diversità diventa...
L’inclusione come valorizzazione – e messa in relazione – delle potenzialità individuali
 

Esperienze - Scuola

A Caval teatro
“I bambini conducono a scoprire le leggi fondamentali della recitazione, di là da ogni psicologismo e di là da ogni barocca evoluzione.” (G. Moretti)
 

Esperienze

Famiglia o famiglie?
Preparare i bambini (e gli adulti) alla “normalità” delle diverse composizioni familiari
 

Esperienze

Un nido che offre buone occasioni
Spazi usati con itelligenza e fantasia nella campagna di Frascati
 

Strumenti - Tra educatori e genitori

Il corpo ci parla

 

Strumenti - Leggere ai bambini

La Vitamina LL: viatamina librosolubile

 

Strumenti - Biblioteca di sezione

Con la spinta del vento
Il viaggio come metafora di crescita
 

Strumenti - Proposte di lettura

Una figlia senza parole