Redazione
Abbonamenti
Ultimi numeri
Servizio Clienti
Contattaci

Privacy Policy
Bambini

Dedicato a Loris Malaguzzi

Numero: 3/2014

Pubblicato il 05/03/2014


Questo numero di “Bambini” esce in concomitanza con il Convegno del Gruppo Nazionale Nidi e Infanzia “Educazione e/è politica” che si svolge a Reggio Emilia il 21, 22, 23 febbraio 2014. Il 23 febbraio è il compleanno di Loris Malaguzzi, di cui ricorrono i vent'anni dalla scomparsa. Per questo abbiamo ritenuto importante provare a riconnettere i fi li che dal suo pensiero e dalla sua opera continuano a snodarsi nell'esperienza dei nidi e delle scuole dell'infanzia a Reggio Emilia, in Italia e a livello internazionale. Il numero si apre con un tributo di Jerome Bruner a Loris Malaguzzi, da lui offerto in occasione del Convegno “Nostalgia del futuro”, un riconoscimento dell'Università Milano-Bicocca, all'indomani della sua scomparsa, a un pedagogista militante e non accademico.

L'articolo di Mauro Ceruti propone un'interpretazione aggiornata dell'epistomologia dei cento linguaggi , proposta come fondamento della diversità in ogni “divenire” umano, elemento fondamentale della democrazia e della convivenza, in questa nostra epoca di migrazioni e globalizzazioni e compito essenziale dei luoghi educativi.
Howard Gardner propone una riflessione sui media digitali come sfida e rischio per la scuola del bambino piccolo oggi, e una domanda conclusiva che si propone, in linea di continuità con il contributo della scuola dell'infanzia Diana, che narra in quali modi non conformi il mondo della comunicazione e della interattività può intrecciare i processi di conoscenza dei bambini dai 3 ai 6 anni. Con adulti non dipendenti, ma attivati dalle App . La lunga crisi economica e culturale che stiamo vivendo legittima la riduzione delle esperienze o la sola resistenza. Gli articoli di Susanna Mantovani, di Claudia Giudici e Paola Cagliari ci offrono bussole di orientamento, parole nuove per sfidare il futuro e sfuggire alle metafore dominanti; perché i servizi educativi non si propongano come “oasi” nella collettività cittadina, ma come nuclei propulsori di futuro e speranze.

La sezione approfondimenti tenta di offrire appunti strutturati sul tema del pensiero e dell'agire progettuale
Una dimensione a cui ormai tutte le realtà educative 0/6 anni fanno riferimento, ma che trova ancora attuazioni molto distanti, se non contraddittorie. Con questi contributi si intende aprire un dibattito che possa precisare questo concetto al fine di rafforzare l'identità dei servizi educativi. La terza e ultima sezione di questo numero, prende il titolo di “Dialoghi”. Solo se le esperienze educative hanno la possibilità di scambi e confronti, possono crescere e rafforzarsi. Il contributo di Tullia Musatti ci accompagna nella nascita e nella storia del Gruppo Nazionale Nidi Infanzia, l'associazione più importante e con diffusione più capillare in Italia, che risponde a questa esigenza reale e diffusa di “non sentirsi soli”. Infine i contributi di realtà educative di quattro dei cinque continenti, che hanno ricercato la relazione con Reggio come occasione per ripensare i loro sistemi educativi, propongono un decentramento di prospettiva, che ci consente di vedere la realtà italiana con gli occhi di altre culture.